Il mare ha ispirato anche molti autori di canzoni.
Osservandolo hanno saputo far uscire dal loro cuore sensazioni che hanno trasformato in parole e musica.

Mare

Mare verde

Nun e' campagna E' mare, mare verde:
nu golfo d'erba, na scugliera 'e fronne,
ca luntano se perde
sott''o cielo d'estA'...

E pe' stu mare verde senza fine,
suonno d''a vita mia,
cchiu' carnale e gentile
tu cammine cu me...
Ll'ombra te veste ma te spoglia 'o sole:
si' d'oro comm''o ggrano...
Tremmanno 'e passione
t'astregno sti mmane...
e 'o mare verde,
ce 'ncanta e ce perde,
abbraccia' te accussi'...
Dorme nu bosco e canta na surgente...
Sisca nu treno sott'a na muntagna...
Va sbarianno cu 'o viento,
na palomma cca' e lla'...

E pe' stu mare verde....

E ce perdimmo pe' stu mare verde...
Stu mare verde.....
(Marotta - Mazzocco) Ascoltala e guarda

Marechiaro

Quanno spònta la luna a Marechiaro,
pure li pisce nce fanno a ll'ammore...
Se revótano ll'onne de lu mare:
pe' la priézza cágnano culore...

Quanno sponta la luna a Marechiaro.

A Marechiaro ce sta na fenesta:
la passiona mia ce tuzzuláa...
Nu garofano addora 'int'a na testa,
passa ll'acqua pe' sotto e murmuléa...

A Marechiaro ce sta na fenesta....

Chi dice ca li stelle só' lucente,
nun sape st'uocchie ca tu tiene 'nfronte!
Sti ddoje stelle li ssaccio i' sulamente:
dint'a lu core ne tengo li ppónte...

Chi dice ca li stelle só' lucente?

Scétate, Carulí', ca ll'aria é doce...
quanno maje tantu tiempo aggi'aspettato?!
P'accumpagnà li suone cu la voce,
stasera na chitarra aggio purtato...

Scétate, Carulí', ca ll'aria é doce!...
(Roberto Murolo) Ascoltala e guarda

Gente di mare

A noi che siamo gente di pianura
navigatori esperti di città
il mare ci fa sempre un po' paura
per quell'idea di troppa libertà
Eppure abbiamo il sale nei capelli
del mare abbiamo le profondità
e donne infreddolite negli scialli
che aspettano che cosa non si sa 

Gente di mare che se ne va
dove gli pare dove non sa
gente che muore di nostalgia
ma quando torna dopo un giorno muore
per la voglia di andare via

Gente di mare
Gente di mare
Gente di mare

E quando ci fermiamo sulla riva
lo sguardo all'orizzonte se ne va
portandoci i pensieri alla deriva
per quell'idea di troppa libertà

Gente di mare che se ne va
dove gli pare dove non sa
Gente corsare che non c'é più
Gente lontana che porta nel cuore
questo grande fratello blu

Al di là del mare c'é qualcuno che
c'é qualcuno che non sa niente di te

Gente di mare che se ne va
dove gli pare dove non sa
Noi prigionieri di queste città
viviamo sempre di oggi e di ieri
inchiodati dalla realtà...
e la gente di mare va

Gente di mare che se ne va
dove gli pare dove non sa
Noi prigionieri di queste grandi città
viviamo sempre di oggi e di ieri
inchiodati dalla realtà...
e la gente di mare va
(Umberto Tozzi) Ascoltala e guarda

Mari

Mari,
ra quannu ti sacciu,
inda lu funnu cchiù funnu ca' tiéni,
aggiu minàtu li penzieri mia.

Mari,
ca' ra 'na vita mi scippi l'ànema,
ri tutti li mmanéri jé mi fai viva
lu cchiù bellu rì la vita.
Ra sembi mari,
io t'aggiu jùto sciànnu,
pi' tuttu lu munnu cu' la stissa frévi,
ri la prima vota.

Mari,
ca' li ppéni mia sai
je cu' ttìco le ttiéni.
Mari cupo ri viérno,
mari lucenti rì staggiuni,
mari stancu ri l'autunnu,
mari frisco ri primavera.

Mari,
ju ti ricu grazie,
ri essa' cu' ttìco, jé ri ti viva.
Pe' quanna'ncòra mari?
La, la, la, la
Sta' cu' mmìcu Mari. 
(Francesco d'Angiolillo)

Se non avessi il mare

Io, se non avessi il mare
dove poter vagare,
dove slegare i miei perché
e lasciarli andare.

Se non ci fosse il mare,
dove poter ascoltare,
dove c'é musica e la senti vibrare.
Anche in un'onda che
se ne va a morire
tra scogliere di sale.

Dove mai andrei
cosa mai farei
In quali spazi. io, respirerei.

A chi svelerei
tutti i sogni miei
Con chi, altri, io li spartirei.

(Parlato)
Starò ancora con te, mare,
accanto a te, per respirare il tuo respiro.
Starò con te fino a quando non sopraggiunga
notte profonda nei miei occhi,
seguendo il tuo eterno movimento:
lento, silenzioso, impetuoso
come la tua e la mia anima

A chi svelerei
tutti i sogni miei
Con chi, altri, io li spartirei.

Sai, se non avessi il mare
dove poter volare,
con grandi ali
su orizzonti da esplorare.

Se non ci fosse il mare,
il mio immenso altare,
sotto il cielo, una volta di cattedrale.
Dove in silenzio puoi,
Lo puoi implorare,
perché Lui e lì,
Lui é lì sul mare.

Se non ci fosse il mare,
dove potrei pregare?
Se non avessi..
Se non ci fosse il mare.
(Francesco d'Angiolillo) Ascoltala
(canzone con diritti riservati)

Spiagge

Spiagge,
immense ed assolate,
spiagge già vissute, amate poi perdute.
In questa azzurrità, fra le conchiglie e il sale,
quanta la gente che, ci ha già lasciato il cuore.
Spiagge
di corpi abbandonati,
di attimi rubati,
mentre la pelle brucia.
Un'altra vela va, fino a che non scompare,
quanti segreti che appartengono al mare.
Un'altra estate qui, e un'altra volta qui,
più disinvolta e più puttana che mai.
Mille avventure che, non finiranno se,
per quegli amori esisteranno nuove...
Spiagge,
di cocco e di granite,
di muscoli e bikini,
di stranieri e di bagnini.
Quel disco nel juke box,
suona la tua canzone,
per la tua storia che,
nasce sotto l'ombrellone.
Spiagge...
Un'altra vela va,
fino a che non scompare,
quanti segreti che
appartengono al mare.
Un'altra estate qui, e un'altra volta qui,
più disinvolta e più puttana che mai.
Mille avventure che, non finiranno se,
per quegli amori esisteranno nuove...
Spiagge,
dipinte in cartolina,
ti scrivo tu mi scrivi
poi torna tutto come prima.
L'inverno passerà
tra la noia e le piogge,
ma una speranza c'é,
che ci siano nuove
spiagge.
(Renato Zero) Ascoltala e guarda